Organizzati e trasforma la tua vita in 6 modi

Ma dove ho messo le chiavi? Perchè non trovo mai niente? Che disordine!

Vi suonano familiari queste parole?

Quando il nostro nido, ovvero la nostra casa, è disordinato e ci provoca una sensazione di disagio è difficile sentirsi in pace e pensare in modo chiaro. Ci innervosiamo e consumiamo molte più energie per delle cose semplici. Ovviamente il grado di disordine è personale, così come il fastidio che ci provoca ed è correlato anche al nostro carattere.
Quando iniziamo a sentirci quasi frustrati dal caos, significa che è arrivato il momento di passare all’azione. Essere organizzati non vuol dire essere ordinati, ma stabilire un modo logico per trovare e valutare gli oggetti più velocemente.
Quando organizziamo il nostro spazio non sprechiamo tempo per trovare quello che cerchiamo e ne abbiamo di più per fare quello che ci piace.

Ecco allora 6 modi in cui l’organizzazione trasforma la tua vita!

1. Stabilisce un senso di controllo
Come scrivo in Mi Merito il Meglio, portando la consapevolezza in un’area della nostra esistenza, cambiando un’abitudine, una credenza o un comportamento, si innesca una trasformazione che coinvolge la nostra intera esistenza e le infonde significato.
Quando creiamo un sistema per cui sappiamo dove mettiamo le cose e introduciamo una nuova routine più funzionale per noi, riduciamo le cose su cui non abbiamo controllo e questo ci fa sentire meno oberati di cose da fare e a cui pensare e quindi più leggeri. Fare il letto la mattina, ad esempio, è un gesto semplice e relativamente veloce che ci dà un immediato senso di ordine. Anche dedicare 15 minuti la sera a fare un’attività diversa in casa ci aiuta a ristabilire l’ordine delle cose.
Inizialmente può sembrare che richieda tempo e sforzo, ma in realtà pian piano quest’azione sarà automatica (si trasforma in un’abitudine appunto) e richiede molta meno energia del vivere perennemente nel caos!

2. Aumenta l’efficacia
Quando lasciamo che sia il disordine e il caos a governare la nostra vita, ci riempiamo di stress, che a sua volta non fa altro che diminuire la nostra efficacia. Creare cambiamenti intenzionali allena la nostra autoefficacia, la nostra fiducia nelle capacità di imparare cose nuove, e di raggiungere piccoli o grandi obiettivi, di meritare il meglio. Trasformare la nostra casa nel posto che vogliamo ci dà un senso di soddisfazione per aver portato a termine un compito. E questo ha effetti positivi in tutte le aree della nostra vita.

3. Aumenta la produttività
Quando stabiliamo una nuova routine, che sia appendere le chiavi in un posto preciso, appendere i vestiti nell’armadio anzichè lasciarli in giro, lavare i piatti subito dopo mangiato anzichè lasciarli nel lavandino, risparmiamo tempo e liberiamo la mente da pensieri inutili e poco funzionali. E possiamo utilizzare il tempo in più per fare qualcosa di più piacevole!

4. Aiuta a definire le priorità
Quando riempiamo il nostro calendario e le nostre scrivanie siamo continuamente chiamati a prendere decisioni sulle priorità. Anche questo ci riempie di stress e di energie negative che potremmo sicuramente risparmiarci. Organizzarsi permette di identificare le priorità e quindi le cose da urgenti ed importanti.

5. Aumenta la tua creatività
L’attitudine al problem-solving richiede creatività, ovvero la capacità di trovare nuove soluzioni a vecchi problemi. Per essere al massimo della nostra creatività, però, dobbiamo eliminare le distrazioni poco funzionali che non ci permettono di vedere quello che di cui avremmo bisogno.

6. Aumenta la pace interiore
Alzarsi di buon umore e con il piede giusto è il modo migliore per iniziare bene la giornata. Quando il mondo intorno a noi ci piace e ci fa sentire bene, ci sentiamo bene anche interiormente.
Il nostro ambiente interno è direttamente collegato a quello esterno. É per questo che fare ordine all’esterno, significa fare chiarezza anche dentro di noi.

Liberamente adattato da Unstuck Community.

E voi come siete? Ordinati o disordinati? Riuscite a mantenere un ordine che vi fa stare bene?

Commenta

Commenta