Le 5 scuse Top per sabotarti la vita

«Ho una regola. Non ascolto mai nessuno che mi spiega perché non può fare qualcosa. Non voglio che mi convinca.»
Michael Caine

Quali scuse stai usando per non seguire i tuoi sogni?
Quanto spesso usiamo giustificazioni per non cambiare, non agire, non prendere l’iniziativa? Man mano che lo facciamo  diventiamo bravissimi a trovare ragioni sempre più elaborate che ci portano a rifugiarci nelle abitudini e nel conosciuto. Più siamo intelligenti più le giustificazioni saranno plausibili. A forza di ripetercele finiremo per crederci e ci convinceremo che non esistano altre possibilità.

Ecco la lista delle 5 scuse top che usiamo per sabotare le nostre vite.
Se vuoi scoprire tutte le 15+1 trappole verso la felicità e i relativi antidoti, ti consiglio di leggere il mio ultimo libro Libera la tua vita. Qui scarichi gratis il primo capitolo

1) “Dai, le persone non possono cambiare davvero!”
Io credo che molte persone stiano sabotando la loro vita proprio perchè non credono di poter cambiare (o non credono che lo possano fare gli altri). Hanno deciso di credere alla teoria che afferma che “un leopardo non può cambiarsi le macchie”.
Il fatto è piuttosto che alcune persone non vogliono cambiare. E la maggior parte delle persone non conosce la psicologia del cambiamento e ignora come cambiare in maniera efficace.

“La mia situazione è diversa”
Siamo davvero così arroganti da credere che le regole che si applicano per ogni persona non si possano applicare a noi? Perché metodi testati e comprovati per migliorare la vita non dovrebbero funzionare per noi?! Se qualcosa funziona per il 99% delle persone a cui viene applicata, è altamente probabile che funzioni anche per noi. Perché non abbassiamo la guardia e la proviamo con impegno prima di stabilire a priori che nel nostro contesto non funziona?

3) “Ho avuto un’infanzia difficile”
Ed ecco un’altra delle 15+1 trappole di cui scrivo in Libera la tua vita: l’enfasi con cui le persone hanno la tendenza a usare il loro passato, finendo poi per credere che sia un ostacolo insormontabile. Spesso usano un’infanzia difficile come scusa per avere una vita disagevole e per non poterci fare nulla.

Una delle scoperte più importanti della psicologia cognitiva è che nonostante molti dei nostri pensieri, sensazioni e schemi di comportamento siano stati creati nel passato, a volte addirittura nell’infanzia, questi vivano di vita propria anche nel qui ed ora. È nel qui ed ora che possiamo agire ed avere influenza su di loro.

4) “Sono troppo giovane/vecchio”
C’è una intera gamma di scuse che usiamo, che si collega alla razza, al sesso, alla nazionalità, all’età eccetera. Una più subdola dell’altra. Sicuramente esistono situazioni non facili e a volte possono costituire una sfida. Ma appena smettiamo di dare la colpa alle condizioni esterne, esse smettono di essere un limite così grande. Come vedremo meglio nel capitolo dedicato a questo atteggiamento, appena cessiamo di nasconderci dietro al vittimismo ritroviamo il nostro potere personale.

5) “Lo farò domani”
Certo! E seguendo la stessa logica, domani non avrai alcun motivo per non dire la stessa cosa di oggi. Dopo tutto, un giorno in più che differenza fa? Continua a pensare così e alla fine ti renderai conto che hai rimandato le cose così tanto che non ti sembrerà più nemmeno il caso di farle.
Una mia cliente continuò a rimandare il fatto di modificare le sue abitudini di vita e di perdere peso fino a quando, una mattina si rese conto di avere compiuto 40 anni ed il suo peso non era più importante. Nessun problema per quello, tranne che ha passato più di 20 anni sentendosi in colpa perché non era in forma.

Fai un bel respiro e dai uno sguardo alle 5 scuse qui sopra. Ne hai usata qualcuna ultimamente? Riesci a vedere il modo in cui stanno sabotando la tua vita, più di quanto la stiano aiutando?
Vivere la tua vita in modo straordinario, avere una carriera o delle relazioni soddisfacenti, tutto questo non accade per via delle scuse.
Accade accettando che le cose sono come sono, chiedendoti cosa puoi fare per muoverti al livello successivo e quindi agendo!

Commenta

Commenta