5 passi per mantenere i propositi di inizio anno

Di solito verso inizio anno ci ripromettiamo di cambiare vecchie abitudini, crearne di nuove, raggiungere nuovi obiettivi per la nostra crescita personale, essere più in forma, perdonare di più, o diventare più assertivi.
Molti di noi redigono queste liste con passione ma poi spesso poco dopo perdono lo sprint.
Perchè è così difficile mantenere le promesse che facciamo a noi stessi?

Ecco  le 5 domande di auto-coaching e i 5 passi perchè tutto diventi più facile.

Stai stabilendo dei passi specifici?
Una delle ragioni principali per cui è difficile mantenere gli obiettivi stabiliti il primo dell’anno è perchè questi non sono definiti in modo sufficientemente specifico. Spesso scriviamo obiettivi generici come “essere più in forma” o “organizzarmi meglio”. Queste definizioni possono riguardare quello che vuoi davvero, ma non significano molto in termini di azioni specifiche. Come scrivo nel mio libro Tutta un’altra vita è molto più efficace definire i propri obiettivi in forma specifica, oppure suddividere lo scopo finale in passi più piccoli e misurabili. Quando ti vedi ottenere questi obiettivi più piccoli, diventa più facile rimanere fedele al piano più grande.

I tuoi obiettivi sono significativi?
Un altro consiglio è quello di riflettere sui tuoi obiettivi in maniera profonda. Le decisioni del primo dell’anno sono diventate un clichè così usato, che molti di noi non si concedono nemmeno il tempo di riflettere sulla pianificazione. Spesso veniamo influenzati da quello che gli altri vogliono ottenere o da ciò che pensiamo ci si aspetti da noi. Ma un obiettivo diventa più facilmente raggiungibile nel momento in cui lo vuoi davvero. Quindi la chiave per avere dei risultati dai nostri propositi del primo dell’anno è chiederti: voglio davvero quei risultati? Sono congruenti nella mia vita?
Stabilisci gli obiettivi che vuoi davvero ed agisci in modo deciso.

A che livello è il tuo impegno?
La ragione più comune per cui molliamo è che non vediamo il risultato subito. Proviamo una volta, falliamo, riproviamo di nuovo, falliamo ancora e allora smettiamo. È invece importante vedere quelli che sembrano risultati minori e fallimenti come cose temporanee piuttosto che permanenti. È naturale venire scoraggiati dai fallimenti e voler rinunciare del tutto, ma le possibilità di ottenere i tuoi propositi sono più alte se sei preparato a gestire di volta in volta gli inevitabili momenti di arresto. All’inizio questi momenti possono arrivare spesso, ma in seguito si ridurranno mentre impari a riadattare il tuo piano di azione.
La via del successo è lastricata di fallimenti.

Stai misurando i tuoi successi e fallimenti?
Un vecchio sistema per rimanere concentrato sugli obiettivi ed ottenere qualcosa di valido è quello di tenere traccia del processo completo, includendo successi e fallimenti. Che sia sotto forma di blog, o di diario, fai in modo di impiegare del tempo per creare traccia dei tuoi sforzi, citando i momenti di fallimento ed anche quelli di successo che incontri. Questo ti darà la motivazione per restare fedele al tuo progetto. E non ti serve solo a verificare i tuoi progetti, ma anche a rivedere le tue esperienze e imparare. Quindi, tenere un diario non solo ti aiuta a proseguire, ma è anche un modo efficace per ricavare il massimo dall’intero processo.

Qual è il tuo gruppo di supporto?
Condividere i tuoi obiettivi e progressi con gli altri significa avere accanto a te qualcuno che tenga traccia del tuo progresso. Siamo più motivati a restare fedeli ai nostri piani quando abbiamo qualcuno vicino che li conosce. Avere un obiettivo che nessun altro conosce significa allontanarsene facilmente, poichè non devi rendere conto a nessun altro se non a te stesso, e in questo modo hai già rinunciato. Condividere i tuoi piani e sogni con amici e familiari significa anche che puoi ricevere incoraggiamenti e sostegno da una fonte esterna, e questa è sempre una buona cosa.
Se vuoi puoi usare le pagine di FB dei lettori dei miei libri per chiedere sostegno e conoscere altre persone nel percorso evolutivo.

E per riassumere…
Pensa bene a ciò che vuoi davvero. Una volta che hai chiaro cosa vuoi sul serio, ti rimane solo da pensare in piccoli passi per ottenere quello che vuoi, essere creativo, disciplinato e, cosa più importante, divertirti lungo tutto il percorso!

Buon viaggio!

Suggerimenti tratti in parte da Richard McMunn e tradotti da Susanna Eduini e in parte dai libri Tutta un’altra vita, Mi merito il meglio e Libera la tua vita.
In questi siti puoi scaricare gratis il primo capitolo di ogni libro e i relativi diari.

Commenta

Commenta