5 passi per liberarci dalla vergogna e amare finalmente noi stessi

Sei disposto a lasciare andare la vergogna e il senso di colpa?

Prima o poi tutti quanti veniamo colpiti dalla malattia della vergogna e del senso di colpa; può durare molto o poco, essere leggera o fulminante, ma fa parte dell’essere umano quindi conviene saperla accettare e superare.

So che è più facile a dirsi che a farsi e che forse è impossibile eliminare del tutto queste emozioni dalla nostra vita, ma il punto non è eliminarle quanto essere capaci di sentirle e lasciarle andare.

Come scrivo nel mio libro Crea La Vita Che Vuoi Jung definiva la vergogna come la palude dell’anima e Brené Brown, docente presso l’Università di Houston che ha dedicato tutta la sua vita alla ricerca sulla vergogna, afferma che il nostro scopo non è quello di costruire una casa in questa palude per andare ad abitarci, ma quello di metterci le galosce per attraversarla, alla ricerca della nostra strada.

Il vero coraggio è questo, cercare la propria strada e lasciarsi vedere per ciò che si è, con i pregi e i difetti che fanno di noi un essere umano.

Sai già che l’ego nasce con lo scopo di proteggerti, allo stesso tempo sai anche che essere vulnerabile è la forma più alta di coraggio che puoi sperimentare nelle relazioni e l’unica via che ti permette di essere realmente e completamente connesso con il resto del mondo.

Eccoti ora i 5 passi per liberarti dalla vergogna e amare finalmente te stesso

Louise Hay

 

#1 Sciogliere il nodo

Il primo passo per sciogliere il nodo del senso di colpa è lasciare andare la vergogna. Se non riusciremo a farlo, ci ritroveremo sempre a giocare i ruoli archetipici di vittima, persecutore o soccorritore, che ci impediscono di avere il pieno potere della nostra vita.

La vergogna vive nell’oscurità, nella segretezza. È una vibrazione bassa e lenta che ci tiene intrappolati nella convinzione che non siamo abbastanza bravi. Che non apparteniamo a niente. Che siamo costantemente difettosi.

Per sciogliere il nodo del senso di colpa e vivere la vita che desideriamo, dobbiamo essere disposti ad assumerci la responsabilità di noi stessi e delle nostre azioni. E se c’è qualcosa di cui prima non eravamo consapevoli ma ora ne siamo venuti a conoscenza, agiamo sulla nuova consapevolezza e correggiamo ciò che deve essere corretto, dove possibile.

 

#2 Lasciare andare la vergogna

Pensiamo a qualcosa di cui ci vergogniamo. Qualcosa che non abbiamo mai detto a nessuno. Qualcosa che pensiamo sia così terribile da non poterlo condividere.

Magari abbiamo rubato qualcosa da bambini e non l’abbiamo mai detto a nessuno.
O forse c’è qualcosa nel nostro corpo di cui ci vergogniamo.
Oppure ci vergogniamo della nostra famiglia.
Forse ci vergogniamo dei nostri genitori. Qualunque cosa sia, sappi che più a lungo lo tieni nascosto, più danni ti farà.

È molto semplice portare più amore nel luogo dove risiede attualmente la vergogna. Basta dire ad alta voce la cosa di cui ci vergogniamo così tanto. Fallo ora. Dì semplicemente,

“Mi vergogno così tanto di me stesso per…..

Ora guardati allo specchio e dì ad alta voce: “Ti amo esattamente così come sei”.

Questo in realtà porta l’Amore Infinito del tuo Sé più profondo proprio nel buio e nell’isolamento della tua vergogna. E riempirà questo luogo di Luce e Amore.

 

#3 Diventare resilienti alla vergogna

Oltre a lasciar andare la tua vergogna e ad assumerti la responsabilità della tua vita, puoi affrontare la vergogna quando ti si presenta.

Dal momento che viviamo in una società piena di vergogna, abbiamo bisogno di individuare la vergogna e dissolverla con amore ogni volta che la vediamo, sia nella nostra vita che in quella di chi ci circonda.

 

#4 Cosa fare quando ci sentiamo in colpa o ci vergogniamo?

Quando veniamo accusati di qualcosa, che sia giustificato o meno, proviamo vergogna o rabbia. La prima cosa da fare è fermarci. Non difenderci. Ascoltiamo semplicemente il nostro corpo. Dove sentiamo la colpa?

Respiriamo profondamente in quel punto. Ascoltiamo le emozioni di vergogna, senso di colpa, o rabbia, e poi portiamo amore alla parte di noi che prova queste emozioni.

Questa parte di noi è quella che ha appena dimostrato di voler essere amata.

 

#5 Il perdono: La cura per guarire il senso di colpa!

Il perdono è la chiave finale che scioglie completamente il nodo del senso di colpa. Il perdono viene spesso frainteso come il condono delle cose cattive che ci sono state fatte. O che abbiamo fatto.

Questo non significa perdonare. Perdonare significa non lasciare che il passato sia la ragione per non prosperare e vivere al meglio nel presente.

Quando sappiamo le cose siamo più consapevoli. Condannare noi stessi per ciò che non sapevamo in passato ci tiene semplicemente bloccati nel nostro senso di colpa. E questo rischia di peggiorare col passare del tempo.

Ognuno di noi ha qualcosa nel suo passato da perdonare. E la persona più difficile da perdonare siamo proprio noi stessi.

Quindi lasciati andare e inizia ad amare la parte di te stesso che non è degna e imperdonabile.

Vuoi scoprire di più sul pensiero di Louise Hay?

Non perdere l’ultima occasione di partecipare alla formazione Insegnanti Certificati Louise Hay

13-20 novembre 2019 a San Marino 

 

 

Commenta

Commenta